Il Paese Banale

di Lobo Suelto!
(Traducción y agradecimiento a Maura Brighentti



É cosí banale la scena che inizia a dispiegarsi da non acettare nemmeno di tollerare il maledetto fatto compiuto. Da vergogna tanta stupidità, nostra e degli altri. Non si tratta di attribuire colpe, ma di trovare i modi di combatterla. La stupidità non è un fenomeno personale, ma un fenomeno delle società di mercato, che coinvolge tutti. È questa l’impotenza che sentiamo oggi. Stupidità neoliberale. Che dimostra, tra le altre cose, che questi anni non hanno potuto superare il neoliberalismo, ma lo hanno alimentato, forse in un modo eterodosso. E per questo che non è più sufficiente mirare ai modi di vita, come se lì in basso ci fosse una verità inacessibile dai piani alti. E neppure alla militanza. No. Già non ci sono astuti. Dire che il sistema politico nel suo insieme si è blindato in una svolta impudica e monolitica a destra è un’ovvietà. È sufficiente guardare le facce dei candidati per convincersi. Soprattutto quella del presidente ora eletto. È questo che ci lasciano gli ultimi dodici o quindici anni? Già non ne possiamo più di analisi intelligenti che non spostano niente! Quando diciamo “destra” siamo costretti a precisare: un tipo di insensibilità che affida le questioni dei legami sociali a nozioni come “impresa”, “fede” o “polizia”. Sta qui oggi il paese. Anche se sicuramente non tutto. Però come facciamo perchè questo Non-Tutto esista? In prinicpio, pensiamo, trovando i modi di resistere. Anche se immediatamente ci tocca chiarire che quando diciamo “resistenza” non ci riferiamo alla mitologia con cui sognano di tanto in tanto le militanze kirchneriste. Siamo saturi di questo pseudo-eroismo retorico inbevuto di impotenza. Ci riferiamo piuttosto alle resistenze concrete nel quadro generale della convalida estrema dei più pericolosi (più volgari) impulsi collettivi. Questa destra ultra-banale (e per questo ultra-pericolosa) è in grado, almeno, di concepire la idea di una tregua (nozione que rasenta l’essenza della politica in quanto prolunga con altri mezzi una guerra –nella misura in cui é definita da relazioni di dominio)? In altre parole: occorrerebbe tornare a tracciare una linea di demarcazione. Il 2001 è morto: viva il 2001! (che, come sappiamo, non è mail esistito). Non parliamo di futuro: siamo privi di aspettative, non crediamo in promesse. Parliamo di dignità, solo questo. E dignità è non lasciarsi andare. Ed è oggi o non è. Nessuna delle cosidette “micropolitiche” si salverà da questo disastro politico, se si fa finta di non intendere la necessità urgente di tracciare con grande chiarezza questa demarcazione, questa resistenza.
Publicar un comentario

Entradas más populares de este blog

Primera Escuela Zapatista: descargá sus cuadernos y materiales de estudio